Ozonoterapia nell’ernia discale lombare: casistica di 1200 pazienti

Il gruppo di ricercatori ha effettuato un’importante revisione di una casistica molto ampia di 1208 pazienti portatori di ernia discale lombare trattati in oltre 6 anni di attività con Ozonoterapia, sia con tecnica paravertebrale che intradiscale nel periodo 1994-1999.

Tra i 1208 pazienti sottoposti ad Ozonoterapia intradiscale la sintomatologia è stata abolita in 987 (81.7%), vi è stato un buon miglioramento in 164 (13.5%), e una modesta remissione in 57 (4.7 %)

La regressione della difetto sensitivo (formicolio, disestesia tattile) è stata completa nel 79% (955 pazienti), parziale nel 17.3 % (211 pazienti), ed insignificante nel 3.4% (42 pazienti).

Il difetto motorio era presente in 580 casi (48 %), in 53 di questi (9.1%) si trattava di un difetto motorio grave, con marcata perdita di forza di dorsiflessione del piede. Tra questi 580 pazienti il difetto motorio è regredito completamente dopo Ozonoterapia in 376 (64.8%), parzialmente in 128 (22 %), non è regredito in 76 (13.1%). In particolare tra i 53 casi in cui il difetto motorio era grave si è assistito ad un recupero completo in 9 (16.9%), parziale in 16 (30.1%), irrilevante o non soddisfacente in 28 (52.8%). Vi sono stati 76 pazienti su 580 (13.1%) che non hanno recuperato il difetto motorio, sono quindi stati sottoposti a trattamento chirurgico.

Tra i 1208 pazienti sottoposti ad Ozonoterapia intradiscale, 314 (25.9%) erano stati sottoposti ad un atto chirurgico a cielo aperto nei mesi o negli anni precedenti. Il risultato sulla recidiva è stato eccellente in 85 (27%), buono in 144 (45.8%), scarso, mediocre o nullo nel 26.9%.

I pazienti sofferenti per ernie discali a livelli multipli hanno avuto beneficio dal trattamento con Ozonoterapia intradiscale in maniera analoga a quelli con un solo livello di patologia.

612 pazienti sono stati sottoposti ad indagine TAC o RM di controllo a distanza di cinque mesi dal trattamento con Ozonoterapia. In 251 si è ottenuta evidenza TAC/RM di ridimensionamento della massa erniaria (41%). In altri 226 (37%) la erniazione era scomparsa, in 135 casi (22%) il quadro neuroradiologico restava immodificato.

Il risultato si è sviluppato in due fasi: vi è stata una iniziale remissione nei giorni immeditamente successivi ad Ozonoterapia intradiscale, cui è seguito un periodo di stabilità, o di lieve peggioramento nelle due settimane seguenti l’iniezione intradiscale. Si è poi sviluppata progressivamente la seconda fase di miglioramento, nell’arco di circa 8 settimane.

Gli autori concludono che l’Ozonoterapia intradiscale non è controindicata dopo precedenti atti chirurgici, e anzi, è qui particolarmente indicata in quanto può proteggere il paziente dai rischi di un reintervento. Inoltre non trova controindicazione nelle scadenti condizioni fisiche del paziente. Al contrario in questi casi  l’Ozonoterapia intradiscale è particolarmente utile perché priva di controindicazioni di carattere generale.

SOVEOT Sociedad Venezolana de Ozonoterapia.  Discolisi percutanea mediante O2O3 intradiscale

___________________________________________________________________________________________________________________
L’Ozonoterapia è una pratica medica, solo un’accurata visita ed una corretta diagnosi permettono di definire un’adeguato ed efficace trattamento terapeutico. Dottor Alessio Zambello Ozonoterapia Varese Milano Brescia Lugano Locarno Bellinzona Como Novara Vercelli Genova Verbania Pavia Bergamo Lombardia Piemonte Canton Ticino Italia Svizzera Ozonetherapy www.terapiaozono.it www.webozono.it
___________________________________________________________________________________________________________________________________
Fissa un appuntamento o richiedi un conulto

OZONOTERAPIA VARESE


CONTATTI

Tel.: 0332 1720020
Whats App: 375 5274217
Email: terapiaozono.it@gmail.com

ORARIO

Da lunedì a venerdì
dalle 9.30 alle 18.30
Sabato dalle 9.30 alle 11.30

DOVE SIAMO

Casa di Cura Fondazione Borghi
Via Petrarca, 33
21020 Brebbia (VA)


×