Ozonoterapia sistemica: di cosa si tratta?

venerdì, aprile 17, 2020 @ 10:04
Author: admin

Il trattamento con ossigeno-ozono sistemico (nota anche come autoemoterapia o Grande autoemoterapia)prevede il prelievo di circa 200 ml di sangue, all’interno di una sacca monouso in cui sia stato precedentemente inserito un anticoagulante, la successiva immissione di un adeguato quantitativo di ossigeno-ozono e, dopo circa 3 minuti, la reinfusione del sangue. Trova indicazione in numerose patologie, dalla vasculopatie alle patologie autoimmunitarie e, più recentemente, nel trattamento di infezione da corona virus per pazienti che abbiano sviluppato COVID-19 e siano in stadio I, II o III. Sono i corso le sperimentazioni per la validazione della tecnica.


Lascia un commento