Lombosciatalgia per ernia discale L4-L5 recidiva post intervento chirurgico

Tuesday, October 25, 2011 @ 06:10 AM
Author: admin

Paziente di 41 anni sottoposto ad intervento di discectomia per ernia discale intraforaminale L4-L5 da 4 anni. Lombosciatalgia acuta con irradiazione all’arto inf sin, nessuna risposta a cortisone e FANS assunti per via orale.

Esame Obiettivo:

  • non deficit motori/sensitivi
  • Lasegue sinistra 30°, dx indifferente
  • dolore alla compressione delle apofisi spinose L4-L5

Risonanza Magnetica: recidiva di ernia del discale mediana paramediana L4-L5 con interessamento intraforaminale sinistro

Trattamento: Ozonoterapia con infiltrazioni paravertebrali

Risultato: regressione dei sintomi dopo 6 infiltrazioni. Completa benessere dopo 12 trattamenti. A sei mesi assenza di dolore. Consigliata una infiltrazione paravertebrale ogni 6 mesi.

___________________________________________________________________________________________________________________
L’Ozonoterapia è una pratica medica, solo un’accurata visita ed una corretta diagnosi permettono di definire un’adeguato ed efficace trattamento terapeutico. Dottor Alessio Zambello Ozonoterapia Varese Milano Brescia Lugano Locarno Bellinzona Como Novara Vercelli Genova Verbania Pavia Bergamo Lombardia Piemonte Canton Ticino Italia Svizzera Ozonetherapy www.terapiaozono.it www.webozono.it
___________________________________________________________________________________________________________________________________

12 Responses to “Lombosciatalgia per ernia discale L4-L5 recidiva post intervento chirurgico”

  1. Roberta says:

    Ho 50 anni e sono stata operata circa 4 anni fa. Da allora non ho avuto particolari problemi sino a un mese fa quando ho iniziato ad avere un dolore alla gamba sinistra con formicolio e bruciore alla punta delle dita. Ho esguito una RMN che ha dimostrato un’ernia L5-S1 (il precedente intervento era stato effettuato a L4-L5), crede che potrei beneficiare di un trattamento con Ozonoterapia?
    La ringrazio

  2. admin says:

    Gentile signora,
    in presenza di dolore da ernia o protrusione discale un trattamento infiltrativo con ozono è sempre consigliabile in assenza di deficit di forza. L’ottima risposta terapeutica (70-80%) e la scarsità di effetti collaterali sono la carta d’identità della terapia.
    La letteratura medica è concorde nel dichiarare che il decorso anche autonomo del dolore da compressione discale è normalmente positivo.
    Cordiali saluti
    Dott. Alessio Zambello

  3. Loredana says:

    Salve,soffro da diversi anni di mal di schiena,dal gennaio 2012 è iniziato il mio lungo calvario,dove ho provato qualunque tipo di terapia e di Farmaci,visto il risultato nullo e la perdita di sensibilità alla gamba sx,ho seguito ad un rx dove è stata riscontrata un’ ernia espulsa paramediana,preforaminale sx a l 4 l 5 il 3 ottobre sono stata operata,nonostante abbia cominciato il piano riabilitativo, tuttora porto un busto semi rigido ortostatico,adesso che ho abbandonato la terapia farmacologica ho ricominciato ad avere dolori importanti alla schiena e alla gamba sx, ancora mancanza di sensibilità,senso di stiramento,scosse con conseguente perdita di equilibrio, gamba addormentata,fatica e dolore nel rimanere seduta o in posizione eretta. Speravo che dopo tutto quello che avevo subito dopo l’ intervento,grazie anche alla fisioterapia stessi meglio,invece mi sembra di nn aver concluso quasi nulla,sicuramente meglio di prima dell’ intervento,dove ero arrivata x il dolore ad adoperare il cerotto con morfina,su prescrizioni, ma il mio livello di vita continua ad essere fortemente compromesso sia sul piano psicologico x via del continuo dolore,sia sul piano fisico xké ancora nn riesco a svolgere una vita normale o quasi. É normale che sia ancora così? quanto tempo passerà ancora?dovrei ricominciare a prendere antidolorifici di continuo? La prego di rispondermi e di suggerirmi la giusta soluzione,sono emotivamente stanca,voglio riprendermi la mia vita. La ringrazio anticipatamente e mi scuso x lo sfogo e x la lunga descrizione.

    • admin says:

      Se non ancora fatto:
      1. RM lombare con mezzo di contrasto
      2. Elettromiografia arti inferiori
      poi mi ricontatti, certo la situazione non è normale, credo ci sia ancora una compressione sul nervo (ernia? cicatrice?). Non si perda d’animo!
      Cordiali saluti
      Dott. Alessio Zambello

    • admin says:

      Si, direi RM con Mezzo Di Contrasto. D’altra parte, poichè sono trascorsi molti anni, il MDC potrebbe non dare i risultati attesi. In questo caso poco importa che si tratti di ernia o cicatrice, è importante risolvere l’infiammazione del nervo che determina il dolore. In assenza di risposta ai comuni farmaci consiglio ozonoterapia, magari inizialmente intraforaminale con guida Rx.
      Cordiali saluti
      Dott. Alessio Zambello

  4. vito manto says:

    chiedevo come fare ( rettificata la fisiologica curvatura lordotica.Non disallineamenti metamerici.Non si apprezzano alterazioni focali provenienza dalla spongiosa dei metameri lombari esaminati che mostrano modeste note artrosiche.I dischi intersomatici compresi tra l3 ed s1 sono leggermente ipolucenti in t2 per iniziali fenomeni di disidratazione.Aivello l3 – l4 : protusione circonferenziale del disco intersomatico con modesta impronta sul contorno ventrale del sacco durale non associata ad effetti compressivi radicolari.A livello l4 -l5. ernia discale intraforaminale destra con minuto frammento erniario estruso e migrato cranialmente che riduce l’ampiezza fel forame di coniugazione esercitando fenomeni compressivi sulla corrispondente radice emergente omolaterale. Il referto appare nel complesso stazionario rispetto al precedente esibito del 23.3.2014.A livello l5-s1: minima tendenza protusiva posteriore mediana dell’anulus fibroso con modesta impronta sul contorno ventrale del sacco durale non associata ad effetti compressivi radicolari.I diametri dello speco vertebrale appaiono leggermente inferiori alla norma passaggio l4- l5.Regolare l’intensita’ e l’immagine del cono midollare. CHIEDO COSA DEVO FARE . Grazie

    • admin says:

      Buonasera,
      Se lei ha dolore alla gamba destra direi che può fare ozono in sede L4-L5. Al limite anche nei due spazi adiacenti L3-L4 e L5-S1. Meglio se guidato da Rx.
      Cordiali saluti
      Dott. A. Zambello

  5. Aco says:

    Salve Dott.A.Zambello,
    fra poco mi devo operare a Zurigo di Ernia discale L4-L5 sinistra. Sento il tutto il corpo, dal piede alla testa, dolori. Al braccio sinistro sento come delle formiche che camminano. Le sembra ci siano sintomi di ernia Lombare o no?
    Cordiali salutti Aco

    • admin says:

      Buongiorno,
      non mi sembrano sintomi di un’ernia lombare. Le consiglierei una RM cervicale prima di sottoporsi ad intervento chirurgico L4-L5.
      Cordiali saluti
      Dott. A. Zambello

  6. Mirko says:

    Buona sera son stato operato nel 2010 ernia l4/L5 L5 s1 operaziome ben riuscita quest anno maggio 2017 dopo un paio di infiltrazioni di ozono tutto d’ un tratto il buio totale perdita immediata di forza sensibilità movimento è molto dolore ricoverato in urgenza in un ospedale non italiano venivo rioperato . Risultato ? Migliorato del 10% non soddisfatto mi reco presso il centro dove nel 2010 son stato operato perché avevo dolore perdita di forza ecc con tutte le risonanze con contrasto prima e dopo operazione e il medico scopre che a distanza di 20 gg le ernie son pressoché quasi identiche . Decisione nuovo intervento il 31/5/17. Il precedente intervento di 20 gg prima e’ stato un flop pazzesco . Ora va meglio dopo 4 gg dolori quasi spariti resta il deficit del piede cadente della mancanza di forza e del intorpidimento forte del piede fino al ginocchio su tt la zona esterna. La mia domanda visto che a causa delle aderenze qualcosa nn si è potuto togliere e’ : sedute di ozono terapia posson migliorare il recupero della sensibilità?

    • admin says:

      Buongiorno,
      si, confermo la possibilità di utilizzare l’ozono per migliorare il recupero della sensibilità e della forza.


Lascia un commento